Un progetto a cura degli allievi dei master in editoria dell’Università Cattolica del Sacro Cuore

La tirannia dell’algoritmo di Miguel Benasayag

La tirannia dell'algoritmo, Miguel Benasayag

Anno:

Genere:

Caterina Cerio

Professione Editoria

“La questione di sapere se una macchina può sostituirsi all’uomo, con cui i media ci assordano tanto spesso, è […] assurda, dal momento che è il vivente che crea il senso, non il calcolo.”

Nel saggio La tirannia dell’algoritmo, Miguel Benasayag spiega il ruolo sempre più preponderante che oggi svolgono le macchine nelle nostre vite e di cui spesso noi stessi non siamo pienamente consapevoli. L’autore si serve sia di esempi concreti relativi all’attualità sia di rimandi storici e filosofici appartenenti al passato.

Secondo il filosofo, nell’era della “post-democrazia” in cui l’uomo è stato desacralizzato, si tende a delegare sempre più responsabilità di diversa natura (politica, sociale, legata alla propria quotidianità) a macchine che considerano l’uomo come un insieme di dati distinti e non come un “insieme complesso”. La complessità del reale ricca di sfide sociali, ecologiche, politiche, identitarie non è interamente riconducibile a un algoritmo: l’uomo è molto più di una somma di dati e informazioni. 

Più che di “colonizzazione” da parte delle macchine nei confronti dell’umanità, Benasayag preferisce parlare di “ibridazione”, ma quest’ultima dovrebbe realizzarsi sempre nel “rispetto del vivente e della cultura”. A questo proposito, è necessario domandarsi se sono realmente necessarie tutte le funzioni che l’uomo ha deciso di affidare alle macchine, poiché il prezzo che potrebbe pagare nel futuro a causa di questa scelta potrebbe rivelarsi estremamente alto. 

Ripercorrendo momenti salienti della storia, soprattutto del Novecento, Benasayag descrive il rapporto alquanto simile a una dipendenza che si è venuto a creare tra gli individui e il mondo digitale e le cui conseguenze risultano preoccupanti. In una società apparentemente controllata dal virtuale e dalle macchine, sembra tutto più rassicurante, ma è solo un’illusione: “il vivente esiste, la macchina, al contrario, non fa che funzionare” ed è proprio attraverso il perpetuarsi di tale illusione che “l’umano è diventato il servo della macchina”. Siamo ormai sottoposti a quello che il filosofo definisce un “regime immateriale” e l’unico modo per reagire è ammettere la “realtà della governamentalità algoritmica”. 

Il filosofo e psicanalista, in conclusione, propone di reagire a quest’ultima mediante la democratizzazione della democrazia, ristabilendo la conflittualità e mettendo in gioco i propri corpi: l’uomo deve accettare che non può prevedere tutto ciò che accadrà, per questo, è invitato a vivere nell’immanenza per essere capace di abitare “un presente multidimensionale, emancipato dall’immediato e dalla promessa”.

Questa recensione è stata realizzata nell’ambito del corso di Web, e-commerce e metadati per l’editoria di Paola Di Giampaolo. Vedi l’elenco completo degli insegnamenti del Master Professione Editoria.

Miguel Benasayag – La tirannia dell’algoritmo

112 pagg., 13,00 euro – Vita e Pensiero 2020 (Transizioni,70)

ISBN 9788834341421

ARTICOLI CORRELATI

Version 1.0.0
Selby Wynn Schwartz
Le figlie di Saffo
Screenshot 2024-06-16 08.48.39
Charlotte Gneuß
I confidenti
Copertina del romanzo "Avete presente l'amore?" di Dolly Alderton.
Dolly Alderton
Avete presente l'amore?
CONDIVIDI

NAVIGA TRA GLI ARTICOLI

LEGGI ALTRI

LEGGI ANCHE…

Casa editrice? Giuseppe Civati, la sua, preferisce definirla “causa” editrice: “Perché informare in modo asettico...
“Diamoci del tu”. Comincia così l’intervista a Gaia Stock. Figlia d’arte, da più di un...
“Il rock and roll salva la vita. Senza la musica, pure il lavoro che faccio...
“Si pensa che fare libri per bambini voglia dire per forza semplificare, abbassare il tono...