Un progetto a cura degli allievi dei master in editoria dell’Università Cattolica del Sacro Cuore

OltreConfine. Esperienze di resistenza editoriale. Con Raffaele Cardone, esperto di editoria.

BookTelling

BookTelling

Quale sarà l’impatto dell’emergenza sanitaria sul mondo e sul mercato del libro? E sui comportamenti dei lettori?

Si accentuerà la spietata concorrenza degli altri media nei comportamenti d’acquisto e di scelta dei canali?

Le attività in rete adottate da editori, librerie, autori e festival basate sull’innovazione tecnologica e sulla creazione di reti di sopravvivenza e di solidarietà digitale sopravviveranno?

Le iniziative che prevedono sistemi di distribuzione alternativa come LibridaAsporto possono costituire una spinta per un sistema più collaborativo tra i diversi comparti della filiera? A livello internazionale all’interno della produzione editoriale c’è qualcuno che di fronte a questa emergenza sta rispondendo più positivamente?

È lecito prevedere che si assisterà a un ulteriore aumento dell’esternalizzazione delle attività editoriali? Chi pensa che sopravviverà alla tempesta? Si accentuerà una delle caratteristiche più significative dell’editoria, quella della concentrazione? Resisteranno solo le too big to fail e le flessibili piccole aziende?

Lo abbiamo chiesto a Raffaele Cardone, esperto di editoria internazionale e docente del Master BookTelling Comunicare e vendere contenuti editoriali dell’Università Cattolica di Milano. Vedi l’elenco dei docenti e degli insegnamenti del Master BookTelling.

A cura di Francesco Boccardi, Master Booktelling: Comunicare e vendere contenuti editoriale dell’Università Cattolica di Milano.

Vai al video

ARTICOLI CORRELATI

CONDIVIDI

NAVIGA TRA GLI ARTICOLI

LEGGI ALTRI

LEGGI ANCHE…

Casa editrice? Giuseppe Civati, la sua, preferisce definirla “causa” editrice: “Perché informare in modo asettico...
“Diamoci del tu”. Comincia così l’intervista a Gaia Stock. Figlia d’arte, da più di un...
“Il rock and roll salva la vita. Senza la musica, pure il lavoro che faccio...
“Si pensa che fare libri per bambini voglia dire per forza semplificare, abbassare il tono...