Un progetto a cura degli allievi dei master in editoria dell’Università Cattolica del Sacro Cuore

Tutti nella mia famiglia hanno ucciso qualcuno di Benjamin Stevenson

Copertina del libro "Tutti nella mia famiglia hanno ucciso qualcuno" di Benjamin Stevenson
Benjamin Stevenson
Tutti nella mia famiglia hanno ucciso qualcuno
(4.5)
4.5/5

Editore:

Feltrinelli

Traduzioni:

Elena Cantoni

Anno:

2022

Genere:

altro

Pagine:

384

Prezzo:

€ 19

ISBN:

9788807035197

“Non vorrei però che ci prendeste per un branco di psicopatici. Siamo gente normale: alcuni buoni, altri cattivi, altri soltanto sfortunati.

E io, a quale categoria appartengo? Non l’ho ancora capito.”

Ernest Cunningham. Protagonista, voce narrante, scrittore di manuali di gialli, detective nel tempo libero, avvocato ad honorem, nuotatore olimpionico nei laghi ghiacciati. Nel prologo promette di essere sincero – omettere qualcosa non è mentire, perciò non conta –, di raccontare la verità per come la conosce lui mentre la vive, e come prova della sua buona fede elenca il numero delle pagine in cui ha luogo o viene rivelata una morte, anticipa che non ci saranno scene erotiche e che nella storia è presente un buco di trama. Durante tutta la narrazione non perde occasione per fare spoiler o per rimarcare le dieci regole di Ronald Knox per il giallo perfetto – il fatto che proprio rispettandole in realtà le raggiri è un’altra storia.

D’altronde, non potevamo aspettarci niente di diverso da uno che si chiama Ernest.

Eppure, non fa altro che mentire. Non al lettore, mai al lettore. A sé stesso.

Andiamo per ordine.

 

La storia.

Un giallo raccontato da uno che scrive di gialli, perciò chi meglio di lui per risolvere il caso di uno sconosciuto morto in modo sospetto proprio durante la rimpatriata della sua famiglia piena di segreti? Mettiamoci anche un rifugio in montagna, una tempesta di neve, una lente d’ingrandimento, un incendio, un serial killer, e il gioco è fatto. Questi cliché però non danno fastidio, perché sono giustificati dal semplice motivo che la vita ne è piena. E poi lo stile di Stevenson è da fuoriclasse, si accetta tutto ciò che scrive senza fare domande.

 

I personaggi.

Sono sempre pronti a mostrare una nuova sfumatura di sé, del loro passato; con alcuni si empatizza più che con altri, ma ognuno di loro è importante, i nomi delle sezioni in cui è diviso il libro ne è la prova. Si arriva a dubitare di tutti – tranne di Ernest – e di tutto, anche delle proprie capacità deduttive, dal momento che ogni informazione viene sbandierata senza remore perché tanto da sola è inutile: è l’insieme che crea il puzzle, e al puzzle ci si arriva solo quando decide Ernest, non una riga prima. Tutto ciò potrebbe risultare irritante, ma quel prurito alle mani che si avverte durante la lettura altro non è che la voglia di voltare un’altra pagina, di arrivare alla fine per svelare il mistero.

Provare per credere.

Una volta terminato il libro ci si rende conto di ritrovarsi letteralmente di nuovo al principio – il cerchio ora è chiuso – e che Ernest mente a sé stesso perché lui non ha paura di essere un vero Cunningham, lui ha paura di non esserlo abbastanza.

ARTICOLI CORRELATI

Version 1.0.0
Selby Wynn Schwartz
Le figlie di Saffo
Screenshot 2024-06-16 08.48.39
Charlotte Gneuß
I confidenti
Copertina del romanzo "Avete presente l'amore?" di Dolly Alderton.
Dolly Alderton
Avete presente l'amore?
CONDIVIDI

NAVIGA TRA GLI ARTICOLI

LEGGI ALTRI

LEGGI ANCHE…

Casa editrice? Giuseppe Civati, la sua, preferisce definirla “causa” editrice: “Perché informare in modo asettico...
“Diamoci del tu”. Comincia così l’intervista a Gaia Stock. Figlia d’arte, da più di un...
“Il rock and roll salva la vita. Senza la musica, pure il lavoro che faccio...
“Si pensa che fare libri per bambini voglia dire per forza semplificare, abbassare il tono...