Un progetto a cura degli allievi dei master in editoria dell’Università Cattolica del Sacro Cuore

L’uomo con la faccia in ombra di Tito Faraci

Tito Faraci
L'uomo con la faccia in ombra
(4)
4/5

Editore:

Feltrinelli

Illustrazioni:

Paolo Castaldi

Anno:

2022

Genere:

Autobiografia

Pagine:

220

Prezzo:

€ 18.00

ISBN:

9788807493232

“Fare fumetti in Italia significa farli sul serio. È una scuola che ha fatto scuola.”

Tito Faraci, all’anagrafe Luca Faraci, classe 1965, è un eclettico sceneggiatore italiano di fumetti. Nell’arco della propria carriera ha scritto (sceneggiato sarebbe il termine più corretto) storie per una vasta e diversificata gamma di testate periodiche sia italiane sia straniere tra cui “Diabolik”, “Topolino”, “l’Uomo Ragno”, “Devil”, etc.
Il volume si compone di 31 capitoli e di un’appendice che raccoglie domande frequenti sul mestiere di sceneggiatore alle quali l’autore fornisce una risposta. I primi 8 capitoli raccontano la crescita umana e professionale di Tito Faraci: quando era bambino leggeva molto i fumetti, ma non immaginava che realizzarli potesse essere una professione nè che esistesse il mestiere dello sceneggiatore, ovvero l’autore che senza disegnare o colorare le vignette, scrive la storia e progetta le tavole. Oltre a ciò, a quei tempi lavorare per i fumetti era una professione considerata disdicevole e poco dignitosa. Nel corso della propria gioventù l’autore prende coscienza della dignità letteraria dei fumetti e della grande professionalità degli autori coinvolti in questo genere di prodotti editoriali.
I capitoli successivi descrivono come, a partire da una semplice idea esprimibile in poche righe, si possa realizzare un soggetto, la sintesi di un intero libro a fumetti da proporre a una casa editrice. Il manuale descrive le caratteristiche che deve possedere un soggetto per essere interessante agli occhi di chi ha il compito di valutarlo: deve essere breve, ma non stringato, e deve contenere abbastanza dettagli per consentire all’editore di valutarne correttamente le potenzialità. A partire dal soggetto viene realizzata la vera e propria sceneggiatura dell’opera. Il volume fornisce indicazioni su come scegliere le inquadrature, come preparare dei dialoghi, a quali artifici si può ricorrere per esprimere al meglio le potenzialità del medium fumetto. Il libro contiene anche un ampio ventaglio di esempi pratici (sia di soggetti sia di sceneggiature). Il testo riporta anche una serie di aneddoti nei quali Faraci racconta errori che ha compiuto nel corso della propria attività e invita il lettore a fare attenzione a evitarli.
Questa breve opera contiene le basi necessarie per approcciarsi al mestiere dello sceneggiatore. Non può sostituire un corso di sceneggiatura vero e proprio, ma ha il grande pregio di fornire un metodo chiaro, semplice e sperimentato dall’autore stesso nella propria carriera di fumettista.

ARTICOLI CORRELATI

L'altra metà dell'editoria_copertina
Roberta Cesana, Irene Piazzoni
L'altra metà dell'editoria. Le professioniste del libro e della lettura nel Novecento
Storia dei librai
Jean-Yves Mollier
Storia dei librai e della libreria dall'antichità ai nostri giorni
professione-editore-579602
Marco Fioretti, Lino Apone
Professione editore
CONDIVIDI

NAVIGA TRA GLI ARTICOLI

LEGGI ALTRI

LEGGI ANCHE…

Qualche mese fa un articolo sul possibile uso dell’intelligenza artificiale (I.A.) in Editoria sarebbe potuto...
La voce di un audiolibro? Può determinare il successo o il fallimento di un titolo....
Per raggiungerla bisogna abbandonare il centro città, e imbarcarsi in un viaggio che può durare...
Alle undici del mattino Cristina Taglietti esce dalla riunione di redazione al Corriere della Sera....