Un progetto a cura degli allievi dei master in editoria dell’Università Cattolica del Sacro Cuore

Classici dietro le quinte di Giovanni Ragone

Anno:

Genere:

“Introdurre ogni volta i lettori in un ambiente editoriale e culturale, quello in cui il testo e i suoi destinatari vivono l’arrivo come “libro” alla ribalta dello spazio pubblico”

Questo saggio storico racconta le vicende editoriali di alcuni dei più celebri capolavori della letteratura italiana, ripercorse a partire dall’epoca di Dante e Petrarca, nella quale ancora doveva completarsi la transizione dagli scriptoria alle stamperie, fino ad arrivare alle opere contemporanee di Vittorini, Gadda e Pasolini.

L’idea dell’autore è che non abbia senso “accostarsi ai capolavori letterari senza considerare che essi sono prima di tutto i nuclei generativi di sostanziali metamorfosi nella cultura e nella comunicazione tra gli uomini”. Le opere letterarie che abbiamo letto e amato, infatti, sono nate molto prima di essere date alle stampe, e quello che è accaduto nel passaggio dalla scrivania dell’autore al torchio della stamperia racconta qualcosa anche della storia dell’editoria, del mercato del libro, della professione stessa di autore.

Obiettivo dichiarato dell’autore è fare “divulgazione delle conoscenze sul backstage della grande letteratura, in buona parte note soltanto agli specialisti”, e di certo proseguendo nella lettura si ha modo di accendere una luce nuova e affascinante sulla Commedia dantesca, sui poemi cavallereschi rinascimentali, sul Piacere dannunziano e sull’evoluzione, secolo dopo secolo, del mondo dell’editoria tout court.

La trattazione, ancorata a modelli accademici e di tono piuttosto sostenuto, può avere una doppia valenza, a seconda dell’atteggiamento con il quale si approccia il testo: chi sia alla ricerca di un testo di studio vi trova una garanzia di attendibilità (suffragata anche da una bibliografia ricca e approfondita), mentre chi si aspettava una lettura più leggera e davvero divulgativa rischia di incappare in un testo che poco si presta alla lettura in metropolitana (provare per credere).

Restano però, a soddisfare una curiosità meno accademica, una serie di aneddoti davvero interessanti per gli appassionati di letteratura (sapevate, ad esempio, che Edmondo de Amicis è stato praticamente costretto a scrivere Cuore dal suo editore?). D’altro canto, siamo nell’ambito di un autore e di un editore di comprovata autorevolezza, che difficilmente rende possibile un abbassamento di tono e una scrittura più piana. In altre parole: se vi aspettate di leggere sotto l’ombrellone rocambolesche vicende degne di Indiana Jones, questo libro non fa per voi; se invece il vostro spirito è più affine a quello del padre dell’iconico archeologo, e siete mossi dalla curiosità del topo di biblioteca, avrete trovato pane per i vostri denti.

Giovanni Ragone – Classici dietro le quinte. Storie di libri e di editori. Da Dante a Pasolini

388 pagg., 20 euro – Laterza 2009 (I Robinson / Letture)

ISBN 9788842088424

ARTICOLI CORRELATI

GIUNTA_Come-non-scrivere_cover
Claudio Giunta
Come non scrivere. Consigli ed esempi da seguire, trappole e scemenze da evitare quando si scrive in italiano
9788811687399_0_536_0_75
Matteo Motolese
Scritti a mano. Otto storie di capolavori italiani da Boccaccio a Eco
lettore-vieni-a-casa
Maryanne Wolf
Lettore, vieni a casa. Il cervello che legge in un mondo digitale
CONDIVIDI

NAVIGA TRA GLI ARTICOLI

LEGGI ALTRI

LEGGI ANCHE…

“Il rock and roll salva la vita. Senza la musica, pure il lavoro che faccio...
“Si pensa che fare libri per bambini voglia dire per forza semplificare, abbassare il tono...
L’editoria kids è un settore ricco e dinamico, sempre alla ricerca di nuovi protagonisti a cui...
Questo è quanto emerge dall’analisi effettuata per la Nuova Mappa dei Bookinfluencer realizzata dagli allievi del...