Un progetto a cura degli allievi dei master in editoria dell’Università Cattolica del Sacro Cuore

I censori all’opera di Robert Darnton

Anno:

Genere:

Claudia Candino

Professione Editoria

“I sistemi di censura studiati in questo libro mostrano che l’intervento dello Stato nella sfera letteraria […] si estese fino a modellare e conformare la letteratura stessa […]. Se gli Stati possedevano un tale potere nell’èra della stampa, che cosa impedirà loro di abusarne nell’èra di Internet? ”

Chi erano i censori? Come operavano? Erano semplici burocrati garanti dell’ortodossia o letterati a loro volta? Come funzionava e cosa significava la censura? Nel suo saggio, Robert Darnton prova a rispondere a queste domande presentando a tutti gli appassionati della storia del libro e dei retroscena editoriali una storia della censura in regimi molto diversi tra loro: la Francia borbonica del XVIII secolo, l’India britannica nella seconda metà dell’Ottocento e la Repubblica Democratica Tedesca del secolo scorso.

Attraverso ricche e approfondite ricerche d’archivio, lo studioso ricostruisce le prassi censorie accompagnandole alle vicende di personaggi di solito a margine nei libri di storia: menestrelli girovaghi, mecenati, ambulanti, missionari sediziosi, cameriere diffamatrici, poliziotti, censori di ogni ordine, teatranti, giovani studenti sono dunque i protagonisti di questo volume.

La tesi di Darnton è quella di mostrare le infinite sfaccettature della censura.  Nella Francia dei Lumi, il libro era un privilegio per pochi e il controllo regio valeva non solo a reprimere, ma anche a certificare la qualità del prodotto editoriale. I censori erano esecutori del volere del Re, ma anche revisori e critici letterari. Nel Raj britannico i censori erano bibliotecari eruditi, spesso preparati in scuole britanniche, con il ruolo di censire per argomento tutti i libri che uscivano nelle varie province indiane. I libri pubblicati nella RDT erano invece il risultato di un lungo processo di scrittura e riscrittura e controllo svolto in collaborazione tra i censori, i collaboratori delle case editrici e il partito comunista.

Tramite l’analisi dei differenti sistemi censori, Darnton evidenzia la complessità della censura e della sua definizione, sottolineando anche l’importanza che ciascun regime attribuisce alla letteratura. Essa viene infatti ritenuta parte di un più ampio contesto, aderisce a specifici valori culturali e sociali, e i suoi protagonisti – non solo gli autori, ma anche i censori – si identificano profondamente nella sua produzione.

Robert Darnton è uno storico americano, professore e direttore ad Harvard della University Library. Per Adelphi è autore dei saggi Il grande massacro dei gatti (1988), Il bacio di Lamourette (1994), L’età dell’informazione (2007), Il futuro del libro (2011) e Il grande affare dei Lumi (2012).

Robert Darnton – I censori all’opera

364 pagg., 30 euro – Adelphi 2017 (L’oceano delle storie)

ISBN 978-88-459-3202-1

ARTICOLI CORRELATI

9788811687399_0_536_0_75
Matteo Motolese
Scritti a mano. Otto storie di capolavori italiani da Boccaccio a Eco
lettore-vieni-a-casa
Maryanne Wolf
Lettore, vieni a casa. Il cervello che legge in un mondo digitale
immagine
Tommaso Munari
L'Italia dei libri. L'editoria in dieci storie
CONDIVIDI

NAVIGA TRA GLI ARTICOLI

LEGGI ALTRI

LEGGI ANCHE…

L’editoria kids è un settore ricco e dinamico, sempre alla ricerca di nuovi protagonisti a cui...
Questo è quanto emerge dall’analisi effettuata per la Nuova Mappa dei Bookinfluencer realizzata dagli allievi del...
Grazie alla sua modalità comunicativa, che punta su video di brevissima durata, TikTok consente un...
Se oggi la diffusione dei social media è così capillare da aver raggiunto il 74%...