Il mestiere del copywriter di Rodolfo Croce

Sei un copywriter. Un eletto. Vieni pagato per avere idee. Non esiste condizione umana più gratificante sul mercato. Ma quando ti chiederanno come sei diventato copywriter, tu volterai lo sguardo e risponderai: ‘In realtà io non volevo fare il copywriter’”

Se non hai mai pensato di fare il copywriter, allora questo è il libro che fa proprio al caso tuo. Rodolfo Croce ci accompagna in questo viaggio all’interno del mondo della pubblicità e, grazie allo strumento della parola, ci racconta con schiettezza e disincanto il mestiere del copy. Sin dalle prime pagine l’autore riesce nell’intento di spiazzare il suo lettore: con un gioco di contraddizioni ci dice infatti che quello che ci apprestiamo a leggere “è un manuale” e “non è un manuale”. L’accostamento di queste due espressioni, in cui l’una nega repentinamente l’altra, ottiene in realtà l’effetto di definire con chiarezza il senso del libro: rovesciare l’idea tradizionale di manuale e, allo stesso tempo, fornire tutti gli strumenti operativi che ricerchiamo generalmente quando ci apprestiamo a una lettura di tipo manualistico. L’autore non mira a dispensare consigli sul mestiere ma regala un’esperienza concreta, raccontando un’intera giornata di agenzia all’interno di un reparto creativo, col suo susseguirsi di impegni, compiti, scadenze e contrattempi.

“Ci sarò io, che sarò sempre con te per spiegarti tutto”: il lettore non è mai lasciato da solo e, in una specie di mimesi teatrale, veste per 24 ore i panni di un copywriter professionista che lavora in una grande agenzia pubblicitaria di Milano. La lettura si trasforma così in un racconto in presa diretta da parte dell’autore il quale, con la perizia che lo contraddistingue nell’uso abile delle parole (gli utensili di quell’artigiano della parola che è appunto il copywriter), descrive la routine lavorativa in ogni suo aspetto e delinea un quadro preciso e verosimile dei ruoli, dei mezzi, degli strumenti e delle varie fasi di lavoro di un team creativo, dal brief iniziale fino alla produzione vera e propria di una campagna pubblicitaria. Leggendo questo libro, insomma, un giovane copy può farsi un’idea realistica di quello che potrebbe trovare entrando a far parte di un’agenzia pubblicitaria. Il mondo della serie Mad Men, per intenderci, si spalanca davanti ai suoi occhi affascinati.

Siamo partiti con un paradosso: ma è proprio su questo piano di apparenti contraddizioni che si muove la scrittura di Rodolfo Croce, capace di suscitare la curiosità anche del lettore a prima vista più lontano dal mondo della pubblicità. Perché, in fondo, cosa c’è di meglio di un mestiere in cui si è pagati per partorire delle idee?

Questa recensione è stata realizzata nell’ambito del corso di Web, e-commerce e metadati per l’editoria di Paola Di Giampaolo. Vedi l’elenco completo degli insegnamenti del Master Professione Editoria.

Rodolfo Croce – Il mestiere del copywriter
200 pagg., 22,00 euro – Editrice Bibliografica 2020 (I mestieri della comunicazione)
ISBN 9:788893571227

Commenti chiusi