L’ultimo boom dell’intrattenimento sudcoreano: le serie TV tratte da fumetti

Negli ultimi anni, l’Hallyu o Onda Coreana (fenomeno che indica l’incremento della popolarità della cultura sudcoreana a livello globale) è diventata sempre più forte e di successo in tutto il mondo. Sono sempre di più le persone che ascoltano abitualmente le canzoni di gruppi come BTS e Blackpink o che scelgono di guardare film coreani come il celebre Parasite del regista Bong Joon-ho, rendendo il mercato dell’intrattenimento sudcoreano una potenza che solo nel 2019 valeva quasi due miliardi di dollari.

All’interno di questo mercato che comprende musica, film e contenuti digitali c’è anche un altro settore molto importante: quello delle serie televisive coreane, comunemente chiamate k-drama, le quali stanno diventando sempre più popolari tra gli utenti di servizi di streaming come Netflix, che nel corso del 2021 prevede di investire circa 500 milioni di dollari nell’acquisizione e trasmissione di questo tipo di contenuto televisivo secondo il Wall Street Journal.

Cosa rende i k-drama così popolari?

A differenza della maggior parte degli show americani, le serie coreane sono più brevi, con una stagione che dura da 12 a 16 episodi nella maggior parte dei casi. Questo rende il recupero di un determinato show molto meno arduo rispetto a quelli statunitensi (dove stagioni di 20+ episodi non sono rare) e permette anche agli spettatori di consumare i drammi tutti d’un fiato, senza dover aspettare le successive stagioni per finire la storia.

Lee Sung Kyung & Nam Joo Hyuk in Weightlifting Fairy Kim Bok Joo, Netflix Italia ©

Oltre a questo, c’è un’enorme quantità di generi e trame tra cui scegliere, dai popolari drammi medical (come Hospital Playlist) o di azione (come la nota Squid Game), agli show romantici o scolastici (come Run On ed Extraordinary You), c’è una serie per tutti i gusti.

Tuttavia, c’è un genere in particolare che ultimamente sta guadagnando popolarità sia dentro che fuori il suo paese d’origine: i k-drama tratti da webtoon.

Cosa sono i webtoon?

I webtoon sono un tipo di fumetti digitali originati nella Corea del Sud e che hanno stravolto il mercato dei fumetti negli ultimi anni, offrendo un contenuto narrativo e artistico di ottima qualità ideato per essere letto sugli schermi degli smartphone scorrendo le vignette verso il basso senza dover cambiare pagina e sfruttando anche la possibilità di aggiungere effetti di animazione e musica di sottofondo alle storie, aumentando così il livello di immersione dei lettori nelle storie.

Inoltre, i webtoon sono in linea con il comportamento di consumo digitale attuale dove gli utenti sono abituati a usufruire contenuti in tempo reale grazie a piattaforme come YouTube e Instagram, dato che i nuovi capitoli vengono postati settimanalmente, a differenza dai tradizionali fumetti cartacei che spesso sono rilasciati in maniera mensile o addirittura bimestrale.

Lookism di Park Tae-joon, WEBTOON ©

Il primo sito web fatto a posta per la loro lettura è stato Daum Webtoon, lanciato dal portale di navigazione coreano Daum in 2003 e seguito qualche mese dopo dal portale Naver con la sua piattaforma WEBTOON, che oggi ha circa dieci milioni di utenti attivi ogni giorno.

Questi dati permettono di affermare che questo è un mercato che, sebbene sia relativamente giovane, si rivela sempre più interessante per l’industria globale dell’intrattenimento, generando significativi ricavi annuali (577 milioni di dollari in 2019 secondo il report annuale della Korea Creative Content Agency) e promuovendo allo stesso tempo la cultura sudcoreana in tutto il mondo.

K-drama e webtoon: una coppia perfetta

Considerando il successo dei webtoon è facile capire perché vengono adattati sempre più spesso in serie TV.

What’s Wrong with Secretary Kim? di Kim Myeong-mi, Netflix & KakaoPage ©

“I webtoon e le web novel di Naver stanno diventando riconosciuti come fonti originali di contenuti per serie televisive, film e animazioni per la loro qualità e unicità”, ha detto un rappresentante di Naver Webtoon durante un’intervista con il Korea JoongAng Daily. “Abbiamo intenzione di trasformare le opere popolari in drammi, film e animazioni, indipendentemente del genere o della trama”.

La varietà dei temi, l’originalità delle storie, l’alto livello narrativo e la cura editoriale e cinematografica, senza dimenticare il supporto costante da parte della fedele base di fan sia dei webtoon che degli attori, fanno di entrambi i media una fonte di intrattenimento con grande potenziale e che continuerà a crescere sempre di più (2,8% di media annuale secondo le proiezioni della PricewaterhouseCoopers nel loro report Entertainment & Media 2019–2023).

Se siete interessati a introdurvi nel mondo dei k-drama basati su webtoon, potete dare un’occhiata a alcuni dei più popolari su Netflix:

  • Extraordinary You: una ragazza cerca di cambiare il destino scritto per lei dopo aver scoperto di essere solo un personaggio secondario in un fumetto.
  • Sweet Home: mentre le persone si trasformano in mostri feroci e seminano terrore, un adolescente tormentato e i suoi vicini d’appartamento lottano per sopravvivere e restare umani.
  • Mystic Pop-up Bar: un giovane con un potere straordinario inizia a lavorare per la proprietaria pluricentenaria di un bar che risolve i problemi dei clienti entrando nei loro sogni.
  • The Uncanny Counter: impiegati in un chiosco di noodle di giorno, a caccia di demoni di notte. I Counter usano abilità speciali per inseguire gli spettri del male che attaccano gli umani.

Sicuramente non ve ne pentirete.

 

Questo articolo è stato realizzato nell’ambito del corso di Scrittura SEO e email marketing di Claudia Consoli. Vedi l’elenco completo degli insegnamenti del Master BookTelling.

Su temi simili vedi anche:

I fumetti nell’epoca digitale e il fenomeno Zerocalcare, articolo di Giulia D’Addea

Bonelli Entertainment, ovvero quando la tradizione fumettistica incontra l’innovazione transmediale, articolo di Laura Mazzoni.

Mi sono laureata in Economia Aziendale presso l'Università Cattolica di Asunción (Paraguay) e frequento attualmente il Master BookTelling a Milano. Mi appassionano i manga, la narrativa per ragazzi e le lingue straniere.

About Elena Portillo

Mi sono laureata in Economia Aziendale presso l'Università Cattolica di Asunción (Paraguay) e frequento attualmente il Master BookTelling a Milano. Mi appassionano i manga, la narrativa per ragazzi e le lingue straniere.

Commenti chiusi