Giornalismo digitale di Sergio Bolzoni

Copertina Giornalismo Digitale“Il giornalismo digitale vive […] in un suo ecosistema, fatto da particolari condizioni: sia dal punto di vista hardware (il pc, gli smartphone) che software (i Cms, gli spider dei motori di ricerca). Sia per il tempo che viene dedicato all’informazione dal pubblico, sia per i luoghi […] in cui la gente usufruisce delle news digitali”

Il libro si propone come un ottimo manuale di giornalismo digitale, professione di chi non pensa solo al contenuto, ma al contenuto, alla distribuzione e al pubblico insieme. È proprio il pubblico la causa della distinzione tra giornalismo tradizionale e digitale, perché da passivo è diventato attivo e partecipe: il boom dei blog e dei social network ha generato un processo di destrutturazione del rapporto giornalista-pubblico, in cui anche un semplice “mi piace” è parte attiva del sistema comunicativo.

Con uno stile conciso e divulgativo tipico dei giornalisti l’autore Sergio Bolzoni, Vice Caporedattore a Tgcom24.it, fonde approcci teorici e pratici, partendo dall’analisi storica e tecnologica e approdando alla pratica quotidiana e multimediale del settore. Così, dalla nascita di Arpanet, di Internet, dei blog e dei social network, si arriva alla definizione di giornalismo digitale, seguita da fattori, tecniche e leggi indispensabili per redigere un buon articolo. Altro aspetto degno di nota è la presenza di due appendici sulle norme e sul codice di autoregolamentazione.

Pur non essendo stato accuratamente revisionato, data la copiosa presenza di refusi, il manuale ha certamente una portata significativa di contenuti e temi, essenziali per chi vuole intraprendere o conoscere il mestiere in questione.

Sergio Bolzoni – Giornalismo digitale

387 pagg., 22,00 euro – UTET Università 2015

ISBN 978-88-6008-430-9

Commenti chiusi