Dante di Alessandro Barbero

E dunque, che cosa stava facendo Dante nei giorni che anni dopo descriverà come quelli in cui è andato vicino a perdere l’anima, a fine marzo del 1300?”

Chi non conosce Dante Alighieri? Di nome e di fama, tutti. Molti lo conosceranno attraverso le sue opere, studiate a scuola o all’università. Ma quanti conoscono Dante come uomo del suo tempo, come cittadino della Firenze a cavallo fra il XIII e il XIV secolo? Nell’occasione dei 700 anni dalla sua morte, Alessandro Barbero ricompone in Dante (Laterza, 2020) i pezzi più cruciali della vita del Sommo Poeta, soffermandosi sulla sua famiglia e i suoi amici, le sue idee, la sua posizione nella società fiorentina, l’esilio e i viaggi.

Noto al grande pubblico per le sue collaborazioni televisive e i suoi libri, Barbero in questo saggio unisce ancora una volta con profitto le sue due anime, quella dello storico e quella del divulgatore. Egli, infatti, non ci mette davanti a puri fatti e dati storici: ci propone, piuttosto, una vera e propria narrazione della vita e del mondo di Dante, ricca di particolari e di curiosità. Riesce così a coinvolgere il lettore nella ricostruzione storica, rivolgendosi talvolta direttamente a lui come a un interlocutore, e non a un fruitore passivo.

Spesso, l’autore pone a confronto testimonianze dei contemporanei, documenti medievali e tesi di storici e commentatori dell’opera dantesca: così facendo, non solo ci fa appassionare alla disputa, ma ci incoraggia a esercitare il nostro senso critico per rispondere a domande ancora aperte; e, quando una risposta certa e definitiva non c’è, a prenderne atto. Ci fa intravedere, insomma, cosa significa fare ricerca storica, fra archivi, indizi e congetture.

Naturalmente, da accademico qual è, Barbero non tralascia di fornire un consistente apparato di note (posizionato, un po’ scomodamente per chi volesse consultarlo costantemente, alla fine del libro) e precisi riferimenti bibliografici. Ciò consente di leggere il suo Dante a più livelli: mentre il novizio nella materia potrà ricavare per la prima volta dettagliate informazioni sulla figura storica di Dante e sul contesto in cui viveva senza essere rallentato o interrotto da note continue a piè di pagina, il lettore già ben preparato potrà approfondire ulteriormente gli argomenti trattati e confrontarli con le fonti suggerite.

Entrambi i tipi di lettore, comunque, potranno apprezzare la freschezza e la scorrevolezza dell’esposizione, qualità niente affatto scontate in un saggio storico-biografico, nonché la competenza e l’umiltà di Barbero, che mai pretende di aver ragione a tutti i costi o assume un atteggiamento didascalico o pedantesco nei confronti del lettore.

 

Alessandro Barbero – Dante

361 pagg., 20,00 euro – Laterza 2020 (i Robinson)

ISBN 9788858141649

 

Nata a Lucca nel 1996, laureata in Filosofia all'Università di Pisa e attualmente studente del Master “BookTelling” dell'Università Cattolica di Milano. Gli studi in filosofia mi hanno resa curiosa e aperta alle novità; il lavoro in biblioteca mi ha avvicinato ancora di più al mondo dei libri.
Amo spaziare fra generi e ambiti diversi, come cinema, radio, musica, fumetti e games. Mi affascina il mondo della cultura e dell’intrattenimento, e mi entusiasma l’idea di sperimentare in ottica transmediale, con creatività e innovazione.

About Laura Mazzoni (Master BookTelling)

Nata a Lucca nel 1996, laureata in Filosofia all'Università di Pisa e attualmente studente del Master “BookTelling” dell'Università Cattolica di Milano. Gli studi in filosofia mi hanno resa curiosa e aperta alle novità; il lavoro in biblioteca mi ha avvicinato ancora di più al mondo dei libri. Amo spaziare fra generi e ambiti diversi, come cinema, radio, musica, fumetti e games. Mi affascina il mondo della cultura e dell’intrattenimento, e mi entusiasma l’idea di sperimentare in ottica transmediale, con creatività e innovazione.

Commenti chiusi