Bompiani Story di Luca Scarlini

“Bompiani aveva per i suoi autori un rispetto quasi religioso. Questo non vuol dire che ne ignorasse i difetti e le debolezze […], ma li considerava difetti e debolezze di un Autore, da scrivere con la maiuscola, e di ciascun autore ricordava detti memorabili, o pagine intere, e li considerava suoi amici.” [Umberto Eco]

Copertina di Bompiani Story“Non si può fare storia della cultura senza fare storia dell’editoria”, diceva Eugenio Garin, e non si può parlare dell’Italia del Novecento senza ripercorrere l’avventura editoriale di Valentino Bompiani. Figura poliedrica, “zio” in famiglia e in casa editrice, ma anche autore e drammaturgo. E un altro drammaturgo (nonché saggista e storyteller), Luca Scarlini, in Bompiani Story si propone di raccontarne la storia a tutto tondo attraverso le lettere custodite negli archivi, dalla formazione presso Mondadori fino alla vendita della casa editrice nel 1972 e alla pubblicazione del Nome della Rosa di Umberto Eco.

A metà tra la precisione informativa di un saggio e il piacere della narrazione di una vita eccezionale, Bompiani Story si sgancia volentieri dalla successione cronologica per seguire le idee, le scommesse e le sperimentazioni di “zio Val”, con la consapevolezza che “la storia di una casa editrice si fa sia dal punto di vista dei successi che dei fiaschi”. Le anticipazioni al futuro e i rimandi all’indietro rendono l’idea della coerenza dell’universo editoriale Bompiani, sempre centrale nelle sorti della cultura italiana.

Non è un caso, dunque, che l’intera seconda parte del volume sia dedicata a ricostruire i rapporti tra la casa editrice e diciotto figure di scrittori, scrittrici e intellettuali: italiani come Umberto Eco e Paola Masino, stranieri come Albert Camus, amici di una vita come Cesare Zavattini, rapporti complicati come con Jean-Paul Sartre. Il testo si compiace di disseminare in ogni pagina nomi, cognomi, opere: il loro poderoso indice in coda al volume testimonia l’incredibile rete di amicizie e contatti al centro del quale si collocava Valentino Bompiani. Uno spazio speciale viene riservato alle figure della famiglia che collaborano alla casa editrice o ne segnano le sorti, come per Ginevra ed Emanuela Bompiani o Silvana e Fabio Mauri.

Scarlini ricostruisce cinquant’anni di attività editoriale con dovizia di particolari, dati e citazioni, ma riesce a restituire anche l’umanità di Bompiani e della sua casa editrice: è una storia fatta di uomini e di donne, di vacanze sulla riviera ligure e di incursioni a teatro e al cinema, ma anche di retroscena inediti e ironie taglienti: quando Fabio Mauri si trova davanti a lettere “in cui gli autori minacciano il suicidio se la loro opera non viene accettata, [allora] il manoscritto restituito viene accompagnato da una corda e da un chiodo”.

 

Questa recensione è stata realizzata nell’ambito del corso di Web, e-commerce e metadati per l’editoria di Paola Di Giampaolo. Vedi l’elenco completo degli insegnamenti del Master Professione Editoria.

 

Luca Scarlini – Bompiani Story
240 pp., 17 euro – Bompiani, 2022 (Overlook)
ISBN 9788830100299

Nato a Pescara nel 1997, amo il mio Abruzzo ed esplorarne i segreti. Dopo la Laurea Magistrale in Filologia Classica a Bologna ho deciso che conoscere il passato è affascinante, ma vivere nel presente è ancora meglio, e che avere interessi (estremamente) variegati può essere un punto di forza nel mondo dell'editoria. Leggo, scrivo, corro, cucino, e ogni volta che decido di iscrivermi in palestra poi non lo faccio.

About Francesco Salvatore (Master Professione Editoria)

Nato a Pescara nel 1997, amo il mio Abruzzo ed esplorarne i segreti. Dopo la Laurea Magistrale in Filologia Classica a Bologna ho deciso che conoscere il passato è affascinante, ma vivere nel presente è ancora meglio, e che avere interessi (estremamente) variegati può essere un punto di forza nel mondo dell'editoria. Leggo, scrivo, corro, cucino, e ogni volta che decido di iscrivermi in palestra poi non lo faccio.

Commenti chiusi