Allenatori di Lettura: come educare oggi i ragazzi alla lettura. Intervista ad Alice Bigli

Il compito di un allenatore è quello di preparare la sua squadra a una competizione, ogni singolo giocatore deve essere pronto al meglio. E così fa Alice Bigli, fondatrice di Allenatori di Lettura, un progetto finalizzato alla diffusione della lettura tra i ragazzi e alla formazione degli insegnanti. Alice ama definirsi un’allenatrice di lettura o un’educatrice alla lettura. Che cosa significa?

“La metafora dell’allenatore è quella che fino ad ora ho trovato più efficace per spiegare il percorso che porta un bambino o una bambina ad essere lettori. In questa immagine c’è dentro anche l’idea di dover far fatica, perché leggere all’inizio è faticoso. L’educatore alla lettura deve ideare un percorso personalizzato, non può essere standard per ogni bambino.”

La passione per la letteratura per ragazzi l’ha sempre accompagnata in tutta la sua vita ed è stato proprio questo grande interesse a guidarla nella scelta dell’Università, decidendo di iscriversi alla facoltà di Scienze della formazione a Bologna, per seguire le lezioni del professor Antonio Faeti, docente di letteratura per ragazzi.

L’uomo ha bisogno di storie, negli ultimi anni stanno spopolando le serie TV, passatempo preferito di molti preadolescenti e adolescenti “ci sono proposte di lettura per la fascia di studenti della scuola primaria ma se andiamo a vedere nella fascia 11-18 esiste un’emergenza a livello di proposta perché si è speso meno tempo”.

Come fare dunque ad avvicinare questi giovani alla lettura?

Sono gli stessi preadolescenti e adolescenti a darci un’indicazione: i social possono essere un ottimo mezzo di comunicazione, è su Tik Tok o su Instagram che molti di loro si ritrovano per parlare o per consigliare libri ai propri coetanei. Ma non solo, un altro modo per avvicinare i ragazzi alla lettura potrebbe essere quello di coinvolgerli nell’organizzazione di festival letterari a loro dedicati, come Mare di libri, fondato da Alice Bigli nel 2007 a Rimini.

Guarda la videointervista realizzata da Miriam Feder, allieva del Master BookTelling. Comunicare e vendere contenuti editoriali, realizzata per IDEa Incontri Digitali per l’Editoria italiana, la playlist curata dai Master in Editoria Unicatt sul Canale dei Libri.

Classe 1995, nata e cresciuta in un paesino alle porte di Milano.
Dopo essermi diplomata al liceo scientifico ho capito che i numeri non erano la mia strada. Mi sono iscritta così all'Università degli Studi di Milano dove ho conseguito una laurea magistrale in Lettere Moderne. Attualmente frequento il master BookTelling: Comunicare e vendere contenuti editoriali presso l'Università Cattolica di Milano.

About Miriam Chiara Feder

Classe 1995, nata e cresciuta in un paesino alle porte di Milano. Dopo essermi diplomata al liceo scientifico ho capito che i numeri non erano la mia strada. Mi sono iscritta così all'Università degli Studi di Milano dove ho conseguito una laurea magistrale in Lettere Moderne. Attualmente frequento il master BookTelling: Comunicare e vendere contenuti editoriali presso l'Università Cattolica di Milano.

Commenti chiusi