A riveder le stelle di Aldo Cazzullo

“Quante lucciole vede d’estate il contadino dopo il crepuscolo, quando ‘la mosca cede a la zanzara’ e lui rimira le vigne e i campi dall’alto della collina, tante sono le fiamme che risplendono nell’ottava bolgia”

L’ultimo libro di Aldo CazzulloA riveder le stelle. Dante il poeta che inventò l’Italia, è un vero e proprio omaggio a Dante in grado di far ulteriore luce sul ruolo giocato dal poeta nella cultura italiana. Si tratta di un saggio non specialistico che racconta il viaggio di Dante e Virgilio all’Inferno, soffermandosi sui momenti salienti e sugli incontri più celebri, come quelli con Paolo e Francesca, Pier delle Vigne e Ulisse, e concludendosi con l’uscita dei due poeti dall’ultima bolgia, tornando finalmente “a riveder le stelle”.

Come se fosse un moderno Virgilio, Cazzullo prende per mano il lettore e lo accompagna nelle profondità dell’Inferno dantesco. È un viaggio a cui non farà fatica a prendere parte anche chi fosse totalmente a digiuno della Divina Commedia, in quanto l’autore si prende il tempo necessario a spiegare il percorso di Dante e Virgilio, senza tralasciare i dettagli più importanti. Da questo punto di vista, la narrazione è arricchita da digressioni storiche che vogliono fornire completezza al racconto, restituendo uno sguardo d’insieme che nel complesso risulta originale e interessante.  Significativi sono anche gli approfondimenti intorno ai vari personaggi, mitologici e non, che i due poeti incontrano di volta in volta.

In A riveder le stelle, Cazzullo veste i panni dello scrittore, ma non si dimentica di essere anche un giornalista e ciò lo si nota nella citazione al disastro della diga del Vajont, probabilmente memore del famoso reportage dello scomparso collega Giorgio Bocca. Il Cazzullo giornalista, però, lo si può intravedere anche nel particolare modo di scrivere: l’intero libro risulta chiaro e scorrevole, sostenuto da un ritmo incalzante e che non fa mai togliere gli occhi dalla pagina.

A riveder le stelle, quindi, assomiglia a una vera e propria cronaca del viaggio di Dante e Virgilio, in perfetto stile giornalistico. Ed è al tempo stesso un saggio divulgativo, destinato a un pubblico il più ampio possibile che  riuscirà a immergersi nella storia sin dall’inizio, arrivando alla fine senza essersi mai annoiato.

 

Aldo Cazzullo – A riveder le stelle. Dante il poeta che inventò l’Italia

278 pagg., 18,00 euro – Mondadori 2020 (Strade blu)

ISBN 9788804732273

 

Commenti chiusi