Parole che influenzano: comunicazione al tempo della distanza iperconnessa. Intervista a Giuseppe Antonelli

Parole che vanno, parole che restano, parole che si trasformano: “infodemia”, “lockdown”, “droplet”, “quarantenare”, o sigle come “Sars-Cov-2”, “DAD” o “Mes” mettono alla prova anche i vocabolari più aggiornati. Adesso “tamponare” in auto si fa nei drive-in degli ospedali, il “diffusore” ha smesso…

Continua

Banalità. Luoghi comuni, semiotica, social network di Stefano Bartezzaghi

“La comunicazione contemporanea – di cui i social sono a un tempo detrito, testimonianza, incubatore, acceleratore, droga, veleno, antidoto – pare vocata a esiti paradossali. L’assurdità, l’antinomia logica, la contraddizione conflittuale non solo tra gli enunciati e non solo fra gli enunciatori, ma…

Continua

La lingua batte dove il dente duole: il libro di Camilleri e De Mauro in una nuova edizione con la Repubblica

la lingua batte dove il dente duole

“Ogni lingua non è fatta solo di parole, è fatta di tutte le incrostazioni storiche, economiche, sociali che quella parola comporta. Ognuno che parla quella lingua le dà per sottintese in quella parola” Tra le parole e le cose, tra la lingua e…

Continua