Questione di virgole. Punteggiare rapido e accorto di Leonardo G. Luccone

“Vi esorto a lanciarvi, a sperimentare con la punteggiatura. Se con questi appunti vi siete fatti un’idea del vasto perimetro d’azione e di quanto la creatività sia in grado di allargare i confini delle norme, ora è il momento che siate voi a tirare l’elastico, che i vostri segni-lucciola diventino fari per illuminare per bene le vostre idee”

A metà tra saggio, manuale e biografia. Sì, biografia, degli illustri protagonisti dell’opera: virgola e punto e virgola. A ognuno di questi fondamentali segnetti è infatti dedicata una delle parti in cui è diviso il libro. A far prendere aria al testo ci pensa poi una sapiente suddivisione in paragrafi che rende il lavoro di Luccone consultabile e riconsultabile, ogni volta che sentiamo il bisogno di “fare la punta alla punteggiatura”.

L’autore racconta, spiega, chiarisce il ruolo della punteggiatura col supporto di testi esemplari – alcuni virtuosi, altri improbabili –e di un’espansione on line. È spinto da tanti e onorevoli propositi, tra cui forse il più urgente è legato ai pulcini che pigolano di più: così nell’introduzione viene immediatamente inquadrato il problema dell’estinzione della specie:

“La virgola ha fagocitato il punto e virgola e i due punti, e insieme al punto fermo rappresenta il novanta percento della punteggiatura usata oggi da chi scrive; il punto e virgola, invece, è in via di estinzione”.

[I grassetti sono d’autore NDR]

Partendo da questa constatazione, Luccone introduce, con efficace sintesi, lo scopo dell’opera, che diventerà anche la più forte motivazione alla lettura di Questione di virgole: perché imparare a usare bene la punteggiatura?Viene subito chiarito che tre atteggiamenti dominantideterminano quanto e come ci impegniamo per punteggiare correttamente ed elegantemente. Siamo portati a considerare la punteggiatura come: una scelta personale e insindacabile del singolo autore; un elemento decorativo; qualcosa di importante, che necessita di un sistema di regole condiviso. Si tratta di trovare il baricentro perfetto, insomma. E da qui si avvia il saggio – o manuale.

“Tutto ciò che divide per unire è punteggiatura.” L’autore è abile nello scrivere un testo di utilità trasversale: l’uso della punteggiatura è raccontato e insegnato con esaustività e precisione. Oltre duecento pagine di stile brillante, autorevole, finemente ironico, che si illuminano grazie a una scelta antologica perfetta sia per supportare la spiegazione sia per emozionare il lettore con la bellezza della grande letteratura. Non a caso la prima citazione del volume è dal V canto dell’Inferno dantesco. Utilità trasversale, dicevamo, perché anche chi è certo di conoscere bene tutti i segreti della punteggiatura può rileggere, riflettere, ricordare la lieve, umile struttura che ha il potere di sostenere e animare ogni testo che si rispetti.

Leonardo G. Luccone è traduttore e curatore di letteratura angloamericana e si è occupato di autori come John Cheever e F. Scott Fitzgerald. È fondatore di Oblique, studio editoriale e agenzia letteraria a Roma.

Leonardo G. Luccone – Questione di virgole. Punteggiare rapido e accorto

244 pagg., 16 euro – Laterza 2018 (I Robinson)

ISBN 978-88-581-3065-0

Commenti chiusi