Letterati editori di Alberto Cadioli

copertina

“L’introduzione delle figure di Elio Vittorini e di Vittorio Sereni, l’arricchimento delle pagine su Luigi Rusca e la Biblioteca Universale Rizzoli, l’aggiunta di una nuova lunga parte sul lavoro editoriale di Calvino mostrano che i problemi, per i letterati, non sono più come opporsi alla grande casa editrice e come fondare un’attività editoriale da loro gestita, quanto invece come perseguire l’obiettivo di affermare un modello culturale e letterario, lavorando con case editrici solidamente radicate nel sistema editoriale loro contemporaneo.”

In questa nuova edizione di Letterati editori, Alberto Cadioli ridisegna la storia dell’editoria italiana del Novecento attraverso la categoria da lui stesso coniata del “letterato editore”.  È un hommes de lettres impegnato in una casa editrice e che ne sia il fondatore o semplice collaboratore poco importa, la cosa essenziale alla base di questa definizione è l’apporto letterario e culturale dato, solitamente con l’obiettivo di innalzare, migliorare e diffondere la conoscenza.

A partire dalle vicende della Voce di Papini e Prezzolini fino alle esperienze editoriali di Calvino viene analizzato un certo modo di fare editoria e quindi cultura, attraverso cui si scorge la storia delle grandi case editrici e di quelle più piccole ma non meno importanti. Il modello di partenza è quello della rivista che si fa azienda editoriale, passando per i grandi fenomeni editoriali come le collane universali economiche e giungendo alle collane di lancio dei principali scrittori del Novecento.

Il volume è diviso in due sezioni: “Un’editoria di letterati” e “I letterati nell’editoria”, per distinguere quelli che si sono fatti editori, e quindi imprenditori, da coloro che lavorando come direttori di collana o collaboratori delle maggiori case editrici italiane hanno contribuito a diffondere determinati modelli culturali.

Rispetto alle edizioni precedenti Cadioli inserisce nuove figure come quelle di Elio Vittorini e Vittorio Sereni, arricchisce il capitolo sulla Bur di Luigi Rusca e quello su Calvino. La storia delle edizioni è curata nelle note introduttive al volume che ne riporta ben tre, tante quante le edizioni del libro.

Si tratta di un testo certamente utile per approfondire i progetti editoriali dei “letterati editori” presi in considerazione. Le citazioni, spesso estrapolate dai carteggi, aiutano il lettore a entrare nelle fila delle mentalità di questi straordinari uomini di cultura.

Alberto Cadioli – Letterati editori

376  pagg., 21 euro – Il Saggiatore 2017 (La Cultura)

ISBN 978-88-428-2318-6

Commenti chiusi