La vita gioca con me di David Grossman

“Nella mia non brillantissima carriera cinematografica ho avuto modo di raccogliere materiale per vari documentari. E parecchie volte ho visto la persona intervistata davanti a un bivio: rivelare l’oscuro segreto della propria vita o continuare a mentire? È sorprendente quanti decidono di rivelare il segreto.”

Scavare a fondo nel proprio passato per trovare le risposte necessarie per andare avanti: è questo il filo conduttore del nuovo romanzo familiare di Grossman, che con voci prevalentemente femminili ricostruisce le vicende che influenzeranno le vite di tre generazioni.
Sono infatti Vera, Nina e Ghili, rispettivamente nonna, madre e nipote a essere le indiscusse protagoniste di questi eventi e delle loro conseguenze.

Quella che inizia come una raccolta di registrazioni per la creazione di un documentario sul passato di Vera, personaggio ispirato a Eva Panić Nahir, riaprirà ferite che si credevano ormai cicatrizzate, riporterà a galla conflitti interiori e scontri che si credevano risolti da tempo.
Il lettore viene accompagnato in questo lungo viaggio dalla voce narrante di Ghili, che redigendo i quaderni degli appunti di scena riporta tutto ciò che è accaduto e che continua ad accadere. Seppur la voce di Ghili non riesca a essere sempre imparziale, le sue riflessioni invitano il lettore a porsi nei panni di chi la circonda, in una continua ricerca della verità che condurrà la giovane a mettere in dubbio anche le sue più ferme convinzioni.
Questo continuo cambio di prospettiva crea un’intricata struttura di caratteri e voci, porta ad analizzare a fondo l’animo umano dei protagonisti e consente all’autore di trattare temi delicati come la ciclicità delle assenze familiari e la capacità di vivere l’amore solo in modo pieno e totalizzante (tema centrale nel romanzo Che tu sia per me il coltello).

Anche questa volta Grossman riesce ad incantare il suo pubblico attraverso il dispiegarsi di testimonianze e confessioni, raccontando una realtà che di umano ha ben poco, convince il lettore a non arrendersi al dolore, porgendogli piccoli semi di speranza anche nei momenti più difficili.

La vita gioca con me è un romanzo capace di condurre il lettore in un lungo viaggio che si dispiega nello spazio e nel tempo, tra fughe in luoghi lontani e ritorni ai luoghi del cuore; che non risparmia il dolore di nessuno ma che al contempo non smette di credere nell’umanità, e lo fa attraverso un linguaggio semplice, diretto e coinvolgente.

 

David Grossman – La vita gioca con me

293 pagg., 21,00 euro – Mondadori 2019 (Scrittori italiani e stranieri)

ISBN 9788804719793

Commenti chiusi