La correzione di bozze. Manuale per la revisione dei testi di Ferdinando Scala

 “Il correttore non cerca di sostituirsi all’autore, ma diventa suo prezioso collaboratore, nella continua ricerca dell’elemento errato o che non quadra. Ma prima di apportare qualsiasi modifica, si documenta adeguatamente, per essere sicuro di non inserire in un testo presunto errato ulteriori veri errori”

Come ci si comporta davanti a una bozza? E che cos’è una bozza? Domande apparentemente banali, ma che banali non sono, perché quando ci si trova a dover lavorare su un testo in ambito professionale non si possono avere dubbi di questo tipo. Queste e altre domande del genere trovano risposta nel libro di Ferdinando Scala, pubblicato a febbraio 2017 da Editrice Bibliografica.

L’impostazione del volume, come annunciato nel sottotitolo, è quella di un pratico manuale fatto per essere consultato ogni volta che ce ne sia bisogno. La suddivisione in 10 capitoli accompagna il lettore  ̶  da quello comune al professionista che vuole migliorare la propria tecnica  ̶  in un percorso a tappe al cui termine la correzione di bozze e la revisione di testi non avrà più alcun segreto. Il testo è accompagnato da una serie di illustrazioni che mostrano il corretto utilizzo del linguaggio della correzione di bozze, codificato nella normativa ufficiale (UNI 5041) e riassunto in una pratica tabella nell’appendice 3. Questo lo rende non solo un utile strumento didattico, ma anche autodidattico. Alla fine di ogni capitolo, infatti, c’è un’esercitazione che permette di verificare l’apprendimento della lezione impartita (le soluzioni sono nell’appendice 2, in fondo al volume). Sempre in coda al volume, l’appendice 1 contiene un glossario relativo alla misurazione nel sistema tipografico, un catalogo dei principali font e l’elenco dei modi diversi di composizione.

L’insegnamento più prezioso è il modo in cui ci si deve rapportare al testo che si ha di fronte. Il bravo correttore di bozze, insegna Ferdinando Scala, è quello che rispetta il testo che ha davanti. Non è presuntuoso, ma solleva dubbi ragionevoli e non procede finché non li ha risolti. Ciò che deve fare è assumere un atteggiamento professionale e garantire la massima precisione nell’esecuzione del proprio lavoro.

Il linguaggio di Ferdinando Scala è molto chiaro e diretto, come se si stesse rivolgendo ad una classe durante una lezione. Il libro, infatti, nasce dalla sua esperienza decennale di insegnamento nella Scuola di Editoria da lui fondata nel 1986 (http://mastereditoria.unicatt.it/docenti/).  Nulla è lasciato al caso: ogni singolo tecnicismo viene spiegato tramite note all’interno del testo o, addirittura, interi paragrafi sull’argomento. Il manuale appare così perfettamente fruibile da parte di qualunque tipo di pubblico. Inoltre, la lunga esperienza nelle Redazioni Garzanti permette all’autore di citare alcuni aneddoti personali utili per impartire pratici consigli, rendendo il volume molto più piacevole da leggere.

 

Ferdinando Scala – La correzione di bozze. Manuale per la revisione dei testi

176 pagg., 23,50 euro – Editrice Bibliografica 2017 (I mestieri del libro)

ISBN 978-88-7075-922-8

Commenti chiusi