Ammissione

Il Master BookTelling è rivolto ai laureati quadriennalisti (ordinamenti didattici precedenti all’entrata in vigore del D.M. 509/1999), triennalisti e specialistici di tutte le materie umanistiche e scientifiche (per le lauree estere occorrerà verificare la congruità). Ulteriori requisiti: ottima cultura generale, motivazione a operare nel mondo del libro e dell’industria culturale; interesse per gli aspetti di comunicazione-promozione-vendita e per le tecnologie digitali, buona conoscenza dell’inglese e preferibilmente di altre lingue; curiosità e vivacità intellettuale, disponibilità a mettersi in gioco, volontà di impegnare le proprie risorse personali in un lavoro di squadra con gli altri allievi, i professionisti-docenti e le aziende.

La domanda di ammissione dovrà essere inviata secondo le modalità indicate sul sito: 

http://master.unicatt.it/booktelling

Al termine delle selezioni verrà stilata una graduatoria che permetterà l’accesso al corso. Il numero degli ammessi è fissato in un massimo di 25.
Le prove di selezione si svolgono ogni anno nel mese di ottobre e durano per l’intera giornata.

La selezione si articola in tre momenti:

1) Valutazione dei titoli: a ogni candidato è assegnato un punteggio in relazione a studi effettuati, conoscenza delle lingue straniere, certificazioni ed eventuali esperienze lavorative, sulla base del CV e della documentazione che sarà stata presentata in fase di iscrizione alla selezione.

2) Prova scritta: test di cultura generale, prova di scrittura, valutazione del livello della lingua inglese e delle conoscenze informatiche di base.

3) Colloquio attitudinale con la commissione preposta.

La prova scritta e il colloquio attitudinale si svolgono in un’unica giornata.

Per la preparazione delle prove è consigliata, ma non obbligatoria, la consultazione di:

  • Alberto Cadioli – Giuliano Vigini, Storia dell’editoria italiana dall’Unità ad oggi, Milano, Editrice Bibliografica, 2012.
  • Trovare lavoro in editoria. Guida completa a una professione che cambia, Milano, Editrice Bibliografica, 2015.

Commenti chiusi